Archivi del mese: febbraio 2012

il primo bacio

[Il titolo di questo post non è corretto, perché l’argomento non è il mio primo bacio, ma il mio primo bacio più bello. Però mi dicono che faccio titoli troppo lunghi e quindi] Allora, il mio primo bacio più bello … Continua a leggere

Pubblicato in A casaccio | 4 commenti

black mirror

Sciogliersi. Inesorabilmente. Se non lo avete ancora fatto, cari amici, guardate i primi due episodi di Black Mirror. Il primo è duro, il secondo dolcissimo. [ffders, zitti]

Pubblicato in A casaccio | 2 commenti

«Tu sei una di quelle

cresciute a pane e Piovono pietre» (dio mio, quanta verità in queste parole) [con tanto amore ad Alessandro Robecchi e a una delle più belle trasmissioni di Radio Popolare]

Pubblicato in A casaccio | 3 commenti

e

e come cavolo si fa a scrivere di quello che è successo? e come cavolo si fa a scrivere di quello che non è successo?  

Pubblicato in A casaccio | 6 commenti

un albero un po’ meh

[Mentre scrivevo il post precedente mi è tornata in mente una cosa] Asilo, Natale. I Gialli stanno provando la recita di. Io ho il ruolo, fondamentale, dell’albero di. E, indovinate? Mi scappa un sacchissimo la pipì. Solo che ‘ste benedette … Continua a leggere

Pubblicato in A casaccio | 2 commenti

la bimba del computer

Primissimi anni ’80. In tv vanno “I ragazzi del computer”, adolescenti che aiutano la polizia a risolvere rapine e misteri vari, indovinate grazie a cosa. Altamente plausibile, certo, ma non importa: il computer è un oggetto che hanno visto in … Continua a leggere

Pubblicato in A casaccio | Lascia un commento

la prima volta che mi hai presa per mano

Di te, per la verità, non ricordo la prima volta in cui mi hai presa per mano, però mi ricordo che la nostra definizione era questa: noi non stavamo insieme, noi non eravamo fidanzati, noi solo ci tenevamo per mano. … Continua a leggere

Pubblicato in A casaccio | 6 commenti